Domani alle 17 in San Barnaba, con ingresso libero, sarà proposto il festoso Magnificat di John Rutter, con un organico di 85 elementi: i Cori Ingegneri di Verona e Voci in musica di Trento, e la Banda di Peschiera del Garda diretta da Andrea Loss. Il soprano sarà Cecilia Rizzetto, direttore Paolo Facincani. Il programma inizia con Irish Tune, dedicato a Londonderry, trascritta da Percy Grainger (1882-1961), e continua con la Grande Marcia dal "Tannhäuser" di Wagner (1813-89). Quindi "Image of a city" di Franco Cesarini (1961). Infine il Magnificat di John Rutter, prima italiana della trascrizione di Paul Noble. Rutter, nato a Londra nel 1945, ha inserito nel cantico biblico versi di un poema inglese e motivi sudamericani. Definito "sfavillante e populista", "incantesimo di soave solennità e pace", fu eseguito per la prima volta alla Carnegie Hall di New York nel 1990.

Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.